RSS

Gli imputati si difendono dalle accuse spalle al muro.

12 Gen

A Saronno, i comaschi del meetup chiuso “Como a 5 Stelle” unici fra tutti i gruppi, sono arrivati con l’avvocato difensore svizzero, cooptato nel M5S l’altro ieri e nominato dal sovrano assoluto Nicotra quale co-organizer e gestore delle deleghe nei loro congressi elettivi.

Purtroppo nemmeno a Saronno si è posto ai voti la richiesta ad Endrizzi di fare un passo indietro e a Serpico di retrocedere dalle sue pervicaci convinzioni, entrambe situazioni volte a danneggiare il movimento.
Ricordo che diversi attivisti da tutta la Lombardia avevano richiesto questa cosa, ma è stata completamente ignorata, nello spirito assolutamente contrario sia all’ognuno vale uno, che ai principi di democrazia diretta.

Di questa cosa se ne chiede conto a chi ha gestito l’ODG e la giornata, oltre che ai responsabili politici.

Quale contentino di facciata agli attivisti lombardi indignati per il comportamento fuori dalle regole dei comaschi, è stato messo in campo un patetico teatrino di 10 minuti, dove si sono fatte tre timide domande ai responsabili del disastro, compresi altri tre finti e tristi interventi dal pubblico a loro favore, in realtà personaggi della loro claque, organizzati in puro stile congresso di partito.

Risultato: non si è dato conto ad Endrizzi di aver nascosto il suo passato politico alle “regionalie” truffando avversari ed elettori, quale grave colpa di violazione dello spirito di trasparenza assoluta che vige nel M5S.

Silvana Carcano ha risposto ancora ieri sul blog Lombardia ad un articolo de Il Fatto Quotidiano, invece di rispondere a noi del MoVimento. Evidentemente ritiene che ignorandoci, la cosa possa passare in silenzio e dimenticanza. Visto che comunica indirettamente via blog e non già, su questo ed altri strumenti condivisi, le ho risposto commentando il suo post. Riporto qui il mio scritto:

I comaschi del meetup “Como a 5 stelle” hanno letteralmente stuprato sia l’articolo 4 del non statuto che le regole di Grillo sulle candidature, creando a tutti gli effetti e per loro stessa ammissione, un comitato con commissioni, deleghe ecc. a mò di partito politico.

Tutti (in teoria) dovreste conoscere a menadito almeno questi due seguenti concetti basilari:

Ecco cosa vi è scritto sul NON STATUTO: “Il MoVimento 5 Stelle non è un partito politico né si intende che lo diventi in futuro. Esso vuole essere testimone della possibilità di realizzare un efficiente ed efficace scambio di opinioni e confronto democratico al di fuori di legami associativi e partitici e senza la mediazione di organismi direttivi o rappresentativi, riconoscendo alla totalità degli utenti della Rete il ruolo di governo ed indirizzo normalmente attribuito a pochi.”

Ecco cosa vi è scritto sul post di Grillo per le primarie: “Il voto è individuale e bisogna evitare che sia pilotato da fantomatiche assemblee o comitati, entrambi esclusi categoricamente dal Non Statuto. Dobbiamo evitare la replica delle congreghe partitiche su base locale create per favorire uno o più candidati a scapito di tutti gli altri. Chi cercherà di pilotare il voto sarà diffidato e escluso dalle votazioni, sia che si tratti di candidato che di votante. “

Ce n’è in abbondanza per cacciarli tutti a pedate nel sedere.

Visto che Endrizzi con le sue cancellazioni e omissioni in malafede ha difatto rubato il posto ad un altro candidato (con soli sei anni di attività in piu di lui), in questo caso specifico a ME, lo faccio notare per la precisione, ed in più specifico che si doveva e poteva fare ben altro, non nascondiamoci dietro ad un dito cara Silvana.

Non te ne puoi lavare le mani così.

Ti fossi messa seriamente di traverso, le cose sarebbero andate diversamente. Io ho avuto un posto in lista RUBATO da uno che ha BARATO sia sulle regole universalmente condivise fra noi che sull’etica in generale. Da noi queste cose non avrebbero dovuto avere spazio, invece…

Si fa presto ad essere ligi ed integerrimi e poi cedere a questi solo perchè in quattro gatti di loro ti hanno opposto il nulla sulla base di una loro burocrazia inesistente.

Di certo non è finita qui, perchè di questi comportamenti, qualcuno me ne dovrà dare conto, sia a me personalmente che agli elettori tutti.

Pasquale Caterisano
http://www.como5stelle.it

Annunci
 
Commenti disabilitati su Gli imputati si difendono dalle accuse spalle al muro.

Pubblicato da su 12 gennaio 2013 in MoVimento 5 stelle

 

I commenti sono chiusi.